1854
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-1854,qode-social-login-1.1.2,qode-restaurant-1.1.1,stockholm-core-1.0.7,select-theme-ver-5.1.1,ajax_fade,page_not_loaded,side_area_over_content,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Adonai Sebhatu

Adonai Sebhatu è un giovane artista. Questa la sua biografia, tratta dal Portfolio.

Si è diplomato all’ Istituto Tecnico Aldini Valeriani nel 2005. Durante l’adolescenza viene a contatto con l’ambiente underground bolognese dal cui rapporto trae diverse e talvolta contrastanti suggestioni. In particolare coglie nel gruppo de I mutoidi un interessante punto di riferimento come inizio del suo percorso concettuale. Lavora come designer cogliendo l’occasione di mettere in pratica le sue conoscenze da geometra, apprese durante il percorso scolastico, ciò contribuisce progressivamente ad aumentare la sua dimestichezza con gli strumenti tecnici e ad acuire il suo senso estetico.
Spinto da una crescente necessità espressiva si avvicina ad una sempre più progressiva indagine artistica. In questo periodo dipinge opere con cui comincia ad esplorare quell’immaginario fatto di componenti elettronici che caratterizza la scenografia in cui esprime la sua ricerca. Successivamente la sua produzione si concentra sempre più sull’utilizzo, non convenzionale, di pezzi interi o parti di oggetti di recupero, unendole alle tecniche classiche delle arti visive. Questo gli dà la possibilità di lavorare attraverso differenti media quali pittura, disegno, scultura e installazione. Come a creare l’equilibrio di un determinato sistema rappresentativo di oggetti “sintesi” o “archetipi”.
L’intento dell’artista è quello di instaurare un dialogo tra i tre punti di riferimento di cui è parte l’opera, ossia lo spazio, il mezzo e la forma. Il rapporto tra le componenti che costituiscono l’opera di Adonai Sebhatu, da una parte, ricerca l’identità dello stesso artista; dall’altra pone una sinergia comunicativa tra le parti che la appartengono creando una dicotomia tra l’uomo e l’ambiente, l’uomo e la macchina, l’uomo e il suo antagonista.

 

Esposizioni collettive

2019 Le stanze del Contemporaneo, vincitori della XI edizione del Premio Nocivelli, a cura di Daniele Astrologo, Palazzo Martinengo, Brescia – 2016 Esposizione collettiva “Linea di Contorno” Complesso monumentale di Santa Sofia Salerno, a cura di Marcello Francolini e Fabio Avella – 2016 Esposizione collettiva “VERNETZ ” Kunstraum Teiggi 2.0 ( Lucerna- Svizzera) – 2016 Esposizione SETUP Contemporary Artfair Autostazione di Bologna, Piazza XX Settembre , Galleria B4 – 2015 Esposizione collettiva “NEI MEANDRI DELLA BELLEZZA”, Galleria del Carbone, Norimberga (Germania) – 2014Esposizione collettiva “NOEMA, la terza rappresentazione, il limite percettivo del visibile”, Galleria del Carbone, Ferrara – 2014 Esposizione concorso “ Memorie di ferro ”, Fiera Milano-Rho, Milano – 2014 Esposizione “Green-Tech Fest, Palazzo dei Congressi, Pisa -2013 Esposizione mostra “Senza Atomica”, Palazzo d’Accursio, Bologna – 2013 Esposizione concorso “ Who Art You? ”, Milano – 2013 Performance “Gestualmente”presso spazio unico Bologna. Esposizione semipermanente presso spazio unico Bologna

 

Premi

2019 Vincitore Coppa Luigi della XI edizione del Premio Nocivelli, sezione pittura – 2014 Finalista concorso “Memorie di ferro ”, Fiera Milano-Rho, Milano – 2014 Vincitore “ Green-Tech Fest ”, Palazzo dei Congressi, Pisa – 2013 Finalista concorso “ Who Art You? ”, Milano

 

Personali

2017 “Ipotesi di Piano” Galleria B4 Bologna

 

Un artista di casa a DumBO

X
Questo sito usa i cookie per offrirti la migliore esperienza possibile. Procedendo con la navigazione sul sito o scrollando la pagina, accetti implicitamente l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Informativa sull'utilizzo dei cookie Accetto