fbpx
 
2615
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-2615,qode-social-login-1.1.2,qode-restaurant-1.1.1,stockholm-core-1.0.7,select-theme-ver-5.1.1,ajax_fade,page_not_loaded,side_area_over_content,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

CAR

Chi siete?

“Mi chiamo Maria Antonia Zambonelli, ma da quando sono nata tutti mi chiamano Trilli! Sono la proprietaria di CAR, la concessionaria nata nel 1961 fondata da mio padre. Nasciamo come concessionaria Alfa Romeo, ma dal 2009 in poi abbiamo cominciato ad aggiungere al nostro parco auto anche gli altri marchi del gruppo FCA, come Jeep, Lancia, Dodge e Ram, anche se il nostro “cuore alfista” è rimasto invariato. Diciamo che negli ultimi 60 anni abbiamo cercato di accompagnare Bologna nel suo percorso automobilistico.”

 

Di cosa si occupa CAR? Quale è la vostra mission aziendale?

“Il nostro core business è la vendita e la riparazione di vetture Alfa Romeo, Lancia e Jeep, ma nel breve periodo inizieremo a lavorare anche con i  veicoli commerciali del gruppo FCA.

Per quanto riguarda la vendita al pubblico, possiamo fornire le auto chiavi in mano oppure attraverso soluzioni a noleggio, cercando però sempre di restare fedeli alla nostra filosofia, che vede sempre al centro la serietà nel lavoro e la trasparenza nei confronti del cliente.

Chi decide di affidarsi a noi può essere sicuro di trovare  una struttura che ha come base  l’etica, la correttezza e la cura per il cliente.

Oltre al settore del nuovo, ovviamente ci occupiamo anche della vendita di usato garantito: acquistiamo sia da clienti che dai vari canali dedicati, in modo da poter sempre fornire prodotti a km0 o usati da proporre alla clientela. Per la vendita di questo tipo di vetture, abbiamo aperto una sede dedicata in via Dell’Industria, dove vendiamo anche vetture del marchio Mitsubishi. Ecco, se dovessi definire la mission di CAR, sarebbe quella di garantire sempre la massima serietà sotto ogni aspetto, oltre che, ovviamente, una competitività commerciale che è imprescindibile in un settore come il nostro.”

Come siete arrivati fino al Distretto DumBO? E perché avete deciso di farne parte?

“Non è stata una decisione che abbiamo preso da un giorno all’altro, ma è maturata in maniera progressiva: noi e DumBO siamo vicini dal punto di vista logistico, quindi inizialmente l’abbiamo vista come un’opportunità per ampliare i nostri spazi.

Con il tempo però abbiamo conosciuto le persone che “formano” il Distretto, i vari progetti realizzati e in cantiere, e abbiamo deciso di sostenerle perché ci ritroviamo in tutti i valori che applicano nel loro lavoro.

Anche dal punto di vista del marketing l’approdo in DumBO è stata una bella opportunità. Non ci siamo mai affidati ad una comunicazione banale, cercando invece di dare un aiuto alla cultura, sponsorizzando eventi, mostre, concerti e spettacoli che potevano essere interessanti per il panorama culturale bolognese.

L’anno scorso per Arte Fiera abbiamo anche ospitato un artista nella nostra concessionaria, Felice Nittolo, che l’ha inondata di vernice e opere d’arte! Sono convinta che gli spazi che utilizziamo possano essere un grande luogo di commistione e di influenza tra le varie sensibilità artistiche.

Ci credi che una volta nella concessionaria abbiamo organizzato una giornata con le sfogline? Più di ventiquattro ore a stendere la pasta, per poi donare tutto il ricavato all’Ant! [vedi foto]

Insomma, cerco di comunicare la mia concessionaria in maniera diversa rispetto agli standard “classici”, facendo sì che la nostra realtà venga conosciuta anche da persone non direttamente interessate alle automobili.”

Serata con la pasta fresca in concessionaria per ANT.

Come concilierete la vostra attività con i progetti che prenderanno vita in DumBO nei prossimi mesi?

“La scorsa estate siamo stati felici di poter partecipare alle serate della DumBO Summertime: sono state davvero un bel momento di svago, e poter esporre una nostra vettura in un contesto così lontano da quello del nostro settore è stata davvero una bella occasione.

Ad essere sinceri, stiamo soffrendo molto questo momento di impasse, senza contatti e con meno relazioni, ma stiamo anche preparando un ritorno in grande stile per quando la situazione lo permetterà! A settembre vorremmo portare da DumBO il track Jeep, una gigantesca installazione con dei percorsi studiati appositamente per mettere in luce le caratteristiche off-road delle vetture Jeep. Il cliente in questo caso avrà un ruolo centrale, perché si metterà personalmente al volante insieme ad istruttori qualificati, che lo aiuteranno a superare salite e discese a pendenze mozzafiato, tronchi… Insomma, se riuscissimo a portare questa installazione da DumBO sarebbe davvero una cosa incredibile!

I grandi spazi che possiamo trovare nel Distretto si prestano bene a questo tipo di iniziative, stimolando alla ricerca di soluzioni ed esperienze sempre nuove.”

Quali sono le vostre attenzioni riguardo al tema del Green e della sostenibilità ambientale, che sarà sempre più importante con il passare del tempo?

“Non essendo produttori, ma solo distributori, del nostro prodotto purtroppo o per fortuna ci dobbiamo allineare alle logiche decise dalle aziende che noi rappresentiamo.

Negli ultimi tempi anche il gruppo FCA ha imboccato un percorso verso la sostenibilità e verso l’attenzione al green, e per questo anche noi stiamo cercando di indirizzare i nostri clienti verso i prodotti elettrici o plug-in (un mix tra elettrico e propulsione termica), che possono avere un basso impatto ambientale.

Non dobbiamo nasconderci che il percorso che si prospetta sarà lungo e complicato, ma se affrontato in modo graduale e progressivo potrebbe avere degli effetti importanti. Non succederà da un giorno all’altro, perché le persone devono cambiare mentalità ed è una cosa che non si può decidere a tavolino, ma tra qualche anno potremmo essere abituati ad andare a fare la spesa lasciando nel frattempo la nostra macchina attaccata ad una colonnina della corrente.

Proprio a riguardo stiamo realizzando dei video, dei tutorial, per aiutare i nostri clienti ad imparare e ad interiorizzare queste nuove consuetudini.”

Ultima domanda, l’intervista è andata bene! Quindi, se CAR fosse una canzone, quale sarebbe?

“Sicuramente una canzone italiana: credo fortemente nel nostro Paese, e oggi più che mai abbiamo bisogno di sostenerci a vicenda, di “fare squadra”. La scelta giusta potrebbe essere “Vita spericolata” di Vasco Rossi, che tra l’altro è della zona quindi cade a pennello!”

 

 

Contatti

Trilli Zambonelli tel: 051/520707

Email: trilli.zambonelli@carbologna.com
Website: www.carbologna.com – www.carbologna-fcagroup.it
Facebook: https://www.facebook.com/CarBologna/
Instagram: https://www.instagram.com/carbologna/

X
Questo sito usa i cookie per offrirti la migliore esperienza possibile. Procedendo con la navigazione sul sito o scrollando la pagina, accetti implicitamente l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Informativa sull'utilizzo dei cookie Accetto