fbpx
 
2470
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-2470,qode-social-login-1.1.2,qode-restaurant-1.1.1,stockholm-core-1.0.7,select-theme-ver-5.1.1,ajax_fade,page_not_loaded,side_area_over_content,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Eden Park Zone Bologna

Chi siete?

“Tutti mi chiamano “Lillo”: sono il presidente di Eden, un’associazione sportiva dilettantistica e di promozione sociale che si occupa di sport underground, arti circensi, arrampicata. In generale, ci piacciono tutti gli sport cosiddetti di nicchia.

Questi sport nascono in strada, e difficilmente dispongono di impianti adatti ad allenarsi in sicurezza: per questo abbiamo creato qui da DumBO delle strutture per fare pratica, preparandoci ad accogliere il panorama sportivo e culturale bolognese e non solo.”

 

 

Andiamo più a fondo: parlaci di questa palestra “anomala”, e di chi ci lavora.

Eden nasce 15 anni fa, da un gruppo di ragazzi che si ritrovava quotidianamente per fare parkour, quando ancora questa disciplina era molto giovane e praticamente sconosciuta.

Da questi ritrovi informali è nata l’esigenza di allenarsi e di trovare un posto meno rischioso della strada, continuando a fare trick anche nei periodi più freddi o piovosi.

Il “gruppo storico” allora si è dato da fare, cercando delle palestre per fare dei corsi: in quel momento mi sono aggiunto alla ciurma, come tante altre persone che praticavano le discipline più disparate.

Per sei anni abbiamo “vissuto” l’Oz Bologna, una struttura ormai conosciuta da tutti, muovendo più di 6mila soci ogni anno. Lì abbiamo creato un evento di rilevanza internazionale, il Prototype, in cui si avvicendavano i migliori atleti rappresentanti del mondo del parkour.

 

Nel tempo poi abbiamo aggiunto l’arrampicata e lo skatepark, aprendoci così a skater, roller e bmx: facevamo 33 attività diverse! Poi, dopo l’avvento di Unipol, ci siamo dovuti spostare, ricreando un’altra realtà a San Lazzaro di Savena: questa volta la metratura è più piccola, duemila metri quadrati.

Ora stiamo scalpitando dall’emozione per questa nuova avventura in DumBO: non vediamo l’ora di poter finalmente partire al 100%! Al momento abbiamo preso possesso della Baia, con qualche attrezzo circense ed una piccola struttura per il parkour, ma tra pochi giorni partiranno i nuovi corsi di skate e quello di capoeira.”

 

Quali sport porterete da DumBO?

“Una struttura che stiamo per costruire è quella utile a tutte le attività circensi, che sarà ben di 15 metri per 5: sarà multifunzione, con corde, tessuti, trapezi… Vogliamo creare una doppia zona, una performativa ed una di allenamento, residenza artistica per tutti gli interessati. Questa sarebbe la cosa per noi più importante, perché è l’aspetto che abbiamo perso spostandoci da Oz a San Lazzaro, non avendo più lo spazio per spettacoli e pubblico.

 

Altri progetti che abbiamo in mente sono la creazione di una competizione di parkour di rilevanza nazionale, di un’area street pensata e dedicata soltanto allo skate e di un soppalco che possa accogliere altre discipline come la capoeira e la danza.”

 

Insomma Lillo, la carne al fuoco è tanta! Ma tra tutti questi aspetti, qual è la linea comune di Eden Park, il vostro stile?

“Anche in questo caso possiamo dire di essere molteplici, perché il nostro stile è l’unione di quelli di tutte le persone che fanno parte di Eden Park. Questa è la figata della nostra associazione, che mette in comunicazione lo stile underground della strada con quello più artistico delle discipline circensi, con quello ancora diverso dell’arrampicata… Questa è la forza che ha portato Eden ad essere quella che è adesso.

Il filo conduttore di tutte le nostre discipline è la competizione con sé stessi, sempre volta al miglioramento, e la condivisione delle proprie esperienze per creare qualcosa che abbia un valore per la comunità.”

 

Qual è la mission di Eden Park?

“La nostra missione, il nostro obiettivo, è quello di raggiungere più persone possibili con la nostra filosofia: siamo atleti che faticano per capire come spingere al limite il proprio corpo e per provare a creare qualcosa di artistico.

Vogliamo lavorare in sinergia con la società che ci circonda, coinvolgendo tutti i giovani che si ritrovano un po’ spaesati, senza obiettivi, e che hanno bisogno di stimoli per esprimere tutto ciò che portano dentro.”

 

Ci trovi d’accordo! Ma perché proprio qui, da DumBO?

“Rispetto alle altre realtà con cui sono entrato in contatto, qui ho sentito molto di più la fiducia da parte delle persone: questo è il posto giusto per ripartire, per ricreare quello che abbiamo dimostrato di saper fare in passato.”

 

Ultima domanda, forse la più difficile: e se Eden Park fosse una canzone?

It’s a loooong way to the top, if you wanna rock ‘n roll! [canta].

Ho iniziato a 24 anni, ora ne ho 33… Sono felicissimo di tutta la strada che ho fatto insieme ai miei compagni di avventura! Il “top” descritto dagli AC/DC è per me la realizzazione di quello che si ha in mente: questa è la soddisfazione più grande.”

 


Contatti

Website: https://www.edenparkzone.it/
Facebook: https://www.facebook.com/EdenParkZone/
Instagram: https://www.instagram.com/edenparkzone/?hl=it

X
Questo sito usa i cookie per offrirti la migliore esperienza possibile. Procedendo con la navigazione sul sito o scrollando la pagina, accetti implicitamente l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Informativa sull'utilizzo dei cookie Accetto