fbpx
 
3838
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-3838,qode-social-login-1.1.2,qode-restaurant-1.1.1,stockholm-core-1.0.7,select-theme-ver-5.1.1,ajax_fade,page_not_loaded,side_area_over_content,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Cos’è Bologna Attiva?

Bologna Attiva – Officina metropolitana per il nuovo lavoro, il mutualismo e l’economia collaborativa – è un progetto di rigenerazione umana, urbana e sociale che si colloca dentro DumBO, in particolare nei capannoni Officina e Temporanea. Lì sono nati alcuni spazi di coworking, l’aula studio Borges @ Bologna Attiva e diversi servizi di prossimità per studenti, percorsi di accompagnamento professionale, di mutualismo e attività culturali e di comunità.

Gli spazi

Il progetto Bologna Attiva si colloca a DumBO, l’area di 40mila metri quadri all’ex scalo merci Ravone, nel quartiere Porto-Saragozza, di proprietà di FS Sistemi Urbani che è stata affidata in concessione alla società OpenEvent, è finanziato dal Programma regionale delle attività produttive ed è promosso dalla Fondazione per l’Innovazione Urbana in partnership con il Comune di Bologna, l’Università di Bologna e OpenEvent.

L’obiettivo è creare uno spazio di lavoro, di studio, di attività culturali e di dialogo aperto tra comunità, professionisti e studenti, sperimentando pratiche innovative di riutilizzo di parte di un’area che, per dimensioni e posizione, rappresenta per il territorio e per i cittadini un’importante opportunità di trasformazione urbana e di risposta a nuovi bisogni.

I progetti

Dopo una prima presentazione pubblica a giugno 2021, il progetto ha preso avvio con diverse attività che hanno animato il capannone Officina.
In primis, il bando Bologna si Attiva, che ha selezionato e supportato la realizzazione di diverse attività socio-educative, laboratoriali e culturali rivolte a infanzia, adolescenza e famiglie che si sono svolte a settembre.

Nel frattempo, sono stati realizzati degli interventi di ristrutturazione del capannone Officina e a ottobre sono stati attivati gli spazi di lavoro in cui hanno trovato collocazione diverse start up del territorio (che si aggiungono a quelle già presenti nel Blocco 19), i cui lavoratori vengono coinvolti in un percorso di accompagnamento alla costruzione di comunità e alla programmazione di formazioni, incontri, mostre. L’1 dicembre ha infine aperto le sue porte l’Aula studio Borges @ Bologna Attiva.

X
Questo sito usa i cookie per offrirti la migliore esperienza possibile. Procedendo con la navigazione sul sito o scrollando la pagina, accetti implicitamente l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Informativa sull'utilizzo dei cookie Accetto